sabato 10 settembre 2011

Perle di gidierresca idiozia I - Tegole giganti che incombono sul mondo

Volevo parlare del libro che ho finito di leggere un paio di giorni fa.Volevo parlare di coniglietti, di pietre Bezoar e di foto scattate ai morti. Tre idee, altrettanti post incompiuti che attualmente vegetano nei meandri del mio HD.
La voglia di scrivere latita, in questi giorni.Ho dunque deciso di riempire qualche post condividendo col mondo il contenuto di una particolare cartella che troneggia sul mio desktop. Essa racchiude le più folli, assurde, insensate e sgangherate perle di italiano che mi sia capitato di leggere durante la mia lunga carriera come correttrice di schede in forum gdr assortiti. Piccoli testi deliziosamente idioti su cui ridere per non piangere, che ti spingono a chiederti per quale masochistico motivo tu abbia deciso di svolgere un compito simile.
Ho modificato i nomi e i riferimenti da cui queste opere provengono, un po'per privacy, un po'perché non se lo meritano. Lungi da me voler sfottere gli autori di questi scritti, siamo stati tutti giovani e inesperti. Ridiamoci sopra, che fa bene a tutti.

Vorrei iniziare con un grande classico. Il background di un personaggio che finisco per copiaincollare regolarmente a chiunque mi chieda com'è fare lo staffer, correggere le schede, gestire un forum e tutte queste cose qua.
Poche righe per comprendere che il lavoro di uno staffer è innanzitutto sofferenza.
A voi.
Razakel è cresciuto nelle fredde regioni del nord, cacciando (con armi decisamente fuori luogo, tipo mitragliatori che ha costruito da solo) per sopravvivere e abituato fin da piccolo a lottare per sopravvivere, continua così la sua vita finchè non gli arriva la notizia del perciolo che incombe sul globo, decide di viaggire fino all'accademia militare per arruolarsi.
Nella mia mente, la parola perciolo ha assunto l'analogo significato della parola pergolo. E poiché la mia mente è ignorante, la parola pergolo era per me sinonimo di tegola.
Se il prezzo dell'ignoranza è la possibilità di immaginarsi questa ciclopica tegola rossiccia che ondeggia pericolosamente sul tettuccio della casa chiamata Universo, minacciando alla minima folata di schiantarsi su un pianeta terra grande quanto una palla da tennis abbandonata in giardino da un bimbo, allora io amo restare ignorante.

Secondo background. Così, tanto per gradire.

Jack nacque a Baron i suoi genitori non lo volevano neppure però non avevano i soldi per un aborto così lo tennero fino all'età di 6 anni poi lo abbandonarono a 9 anni per guadagnare soldi divenne un bambino soldato
finché non si stanco dello schifo che faceva la sua vita e così divenne un cacciatore di teste ,ironia della sorte gli fu commissionato di fare fuori un uomo scomodo alla società ovvero suo padre Jack a fare ciò non provò nulla la lama calda si infilo nella giugulare del padre che gemette prima di accasciarsi al suolo in una pozza di sangue.
L' anno successivo avvenne quella che gli storici hanno definito fusione Jack non se ne curò di quest' "evento epocale" per lui era solo aumentata la carne da mandare al macello ,jack aveva solo 10 anni e già le sue mani chiedevano sangue .
a 17 anni entro nei cavalieri di Baron a detta sua era pagavano bene , Jack nei cavalieri però conobbe quello che fu il suo unico amico , si chiamava Kain aveva molto in comune con Jack entrambi avevano avuto un infanzia difficile e in battaglia erano dei mostri lo stesso Jack fu chiamato lo Squartatore .
Ogni cosa era destinata a finire l' amicizia tra Kain e Jack la fiducia di jack nelle persone e anche la stessa vita di Kain.
Kain Due-facce così fu apostrofato dal esercito di Baron Jack era l' unico in grado di farlo fuori la sua missione era fare fuori il suo miglior amico Jack affronto kain in battaglia durante lo scontro fu ferito al occhio destro ma l' unica COSA CHE GLI INTERESSAVA ERA UCCIDERE KAIN così quando ruotò la spada e fece letteralmente volare le gambe dell' avversario disse " Kain non avercela con me per questo la colpa è unicamente tua tu mi hai tradito... io di solito non bado a ciò ma noi eravamo amici non avresti dovuto farlo ..." per la prima volta nella sua vita Jack provo qualcosa prima di uccidere un uomo forse era disprezzo forse odio o forse amarezza ...
Tre giorni dopo l' accaduto Jack lascio i cavalieri di baron e divenne un maecenario

Ci sarebbe tanto da dire su questo background. In particolare, mi piace il pathos evidenziato in maniera così drammatica da quel maiuscolo.
Mi piace così tanto che credo andrò a cavarmi gli occhi, ciao.

Nessun commento:

Posta un commento